Differenza bejn ir-reviżjonijiet ta' "René Descartes"

254 bytes imneħħija ,  9 snin ilu
Fl-1980 Pies seta' jaqra fl-arkivju tal-università Olandiża ta' Leiden ittra mit-tabib personali tar-reġina Kristina li fiha ddeskriva lil tabib ieħor ħabib tiegħu is-sintomi li Karteżju kellu huwa u jmut "emorraġija fl-istonku, vomtu iswed, l-affarijiet kollha li m'għandhomx x'jaqsmu mal-pulmonite".
 
L-istudji, meqjusin ta' min joqgħod fuqhom mill-esperti tas-suġġett bħal Rolf Puster, ritengono li Karteżju ġie avvelenat permezz ta' ostja tat-tqarbin imxarrba bl-arseniku mil-patri Agostinjan, François Viogué, patri Franċiż mibgħut Stokkolma mill-[[Papa Innocenz X]] bħala ''missjunarju appostoliku'' biex jikkonverti r-reġina Kristina għall-Kattoliċeżmu, kif imbagħad ġara fl-1654.<ref>[http://www.corriere.it/cronache/09_novembre_10/cartesio-morto-per-ostia-avvelenata_4250e5a4-ce2a-11de-9a32-00144f02aabc.shtml Cartesio ucciso da un'ostia all'arsenico]</ref><ref>[http://www.unita.it/news/culture/91028/rivelazioni_sulla_fine_del_filosofo_cartesio_lavrebbe_ucciso_un_sacerdote_con_unostia_avvelenata Rivelazioni sulla fine del filosofo Cartesio: l'avrebbe ucciso un sacerdote con un'ostia avvelenata]</ref>
 
<includeonly>
LaL-ipoteżi ipotesili diKarteżju unqatlu assassinioil-fanatiku di Cartesio ad opera del fanatico padre Viogué si baserebbe sul fatto che questi vedeva nell'insegnamento cartesiano un ideale razionalista che avrebbe portato alla conversione della regina Cristina ad un cattolicesimo molto diverso da quello professato dal padre agostiniano.<ref>[http://www.corriere.it/cronache/09_novembre_10/cartesio-morto-per-ostia-avvelenata_4250e5a4-ce2a-11de-9a32-00144f02aabc.shtml «A causa dell'insegnamento illuminato» di Cartesio, «l'incipiente conversione della regina Cristina poteva essere messa in pericolo» in Cfr. Shorto Russel, ''Le ossa di Cartesio. Una storia di modernità'']</ref> Tale affermazione, però, sembra in parte contrastare con quanto affermato della stessa regina di Svezia, la quale, in una testimonianza inserita nell'introduzione all'edizione postuma parigina delle ''Méditations métaphysiques'', elogia il filosofo scrivendo che « ''[M. Des-Cartes] a beaucoup contribué a nostre glorieuse conversion; et que la providence de Dieu s'est servie de luy [...] pour nous en donner les premières lumières; ensorte que sa grâce et sa misericorde acheverent apres à nous faire embrasser les veritez de la Religion Catholique Apostolique et Romaine'' ».<ref>[http://books.google.it/books?id=__s6AAAAcAAJ&printsec=frontcover&dq=intitle:M%C3%A9ditations+intitle:m%C3%A9taphysiques+inauthor:Descartes&lr=&as_drrb_is=q&as_minm_is=0&as_miny_is=&as_maxm_is=0&as_maxy_is=&as_brr=0&cd=13#v=twopage&q&f=false Cfr. ''Les méditations métaphysiques de René Des-Cartes'', Paris, 1673, in-4°, p. xxiij. (''Temoignage de la Reyne Christine de Svede'').]</ref>
 
La maggior parte degli studiosi si mostra assai scettica riguardo questa ipotesi di avvelenamento, considerando ben più attendibile quella tradizionale fornita dal biografo Baillet<ref name="Cartesio morì avvelenato"/>, tanto da ritenere che « non sono assolutamente da seguirsi le voci secondo le quali il filosofo sarebbe morto per avvelenamento, vittima di una congiura di corte: non sembrano verosimili, né nessuno ha mai avanzato prove plausibili ».<ref>Ettore Lojacono, ''Cartesio'', in ''I grandi della scienza'', anno III, n. 16 (collana a cura de ''Le Scienze''), Milano, 2000, p. 101.</ref>
Utent anonimu